[inizio] [indice generale] [precedente] [successivo] [indice analitico] [contributi]


266. Configurazione di una distribuzione Slackware

La distribuzione Slackware è quella che utilizza il sistema di configurazione più semplice. Spesso si ha la necessità di modificare direttamente gli script.

266.1 Procedura di inizializzazione del sistema

Si tratta di una serie di script di shell eseguiti direttamente o indirettamente attraverso le indicazioni contenute nel file `/etc/inittab'. La prima cosa da notare sono i livelli di esecuzione:

Segue l'elenco dei file e delle directory che compongono la procedura di inizializzazione del sistema.

266.2 Configurazione della rete

La distribuzione Slackware non utilizza file di configurazione per definire l'impostazione della rete. Questo obbliga praticamente alla modifica diretta degli script che si occupano di definire gli indirizzi, gli instradamenti e l'attivazione dei servizi. Si tratta di `/etc/rc.d/rc.inet1' e `/etc/rc.d/rc.inet2'.

Per la configurazione della rete viene fornito lo script `netconfig' che crea ogni volta un nuovo file `/etc/rc.d/rc.inet1'. Questo però può andare bene solo per le situazioni normali, quando si ha una sola interfaccia di rete e un solo router. Se si decide di modificare direttamente il file `/etc/rc.d/rc.inet1', è meglio fare sparire `netconfig'.

Il file `/etc/HOSTNAME' serve a contenere il nome dell'elaboratore (nome di dominio completo) in modo da poter definire questo nome per mezzo di `hostname' durante la fase di inizializzazione del sistema. Naturalmente, un elaboratore può avere più nomi, tanti quante sono le interfacce di rete: se ne deve scegliere uno solo.

266.3 Configurazione di shell

Questa distribuzione fornisce solo i file di configurazione principali per le shell che permette di installare; non sono previste impostazioni predefinite per gli utenti.

Per quanto riguarda la shell Bourne e quelle derivate, è disponibile il file `/etc/profile' un po' complicato a causa della necessità, in certi casi, di determinare il tipo di shell utilizzato effettivamente per stabilire l'azione corretta.

266.4 Utenti

Utenti e gruppi vengono gestiti nel modo tradizionale, per cui la maschera dei permessi utilizzata normalmente è 022.

Per quanto riguarda l'utente e il gruppo `nobody', è il caso di osservare che 65534 e -2 sono la stessa cosa.

Lo script `adduser' inserisce gli utenti a partire dal numero 500 in poi.

266.4.1 /etc/passwd

halt:x:7:0:halt:/sbin:/sbin/halt
operator:x:11:0:operator:/root:/bin/bash
root:x:0:0::/root:/bin/bash
shutdown:x:6:0:shutdown:/sbin:/sbin/shutdown
sync:x:5:0:sync:/sbin:/bin/sync
bin:x:1:1:bin:/bin:
ftp:x:404:1::/home/ftp:/bin/bash
daemon:x:2:2:daemon:/sbin:
adm:x:3:4:adm:/var/adm:
lp:x:4:7:lp:/var/spool/lpd:
mail:x:8:12:mail:/var/mail:
postmaster:x:14:12:postmaster:/var/mail:/bin/bash
news:x:9:13:news:/usr/lib/news:
uucp:x:10:14:uucp:/var/spool/uucppublic:
man:x:13:15:man:/usr/man:
games:x:12:100:games:/usr/games:
guest:x:405:100:guest:/dev/null:/dev/null
nobody:x:65534:100:nobody:/dev/null:

266.4.2 /etc/group

root::0:root
bin::1:root,bin,daemon
daemon::2:root,bin,daemon
sys::3:root,bin,adm
adm::4:root,adm,daemon
tty::5:
disk::6:root,adm
lp::7:lp
mem::8:
kmem::9:
wheel::10:root
floppy::11:root
mail::12:mail
news::13:news
uucp::14:uucp
man::15:man
users::100:games
nogroup::-2:

---------------------------

Appunti Linux 2000.04.12 --- Copyright © 1997-2000 Daniele Giacomini --  daniele @ pluto.linux.it


[inizio] [indice generale] [precedente] [successivo] [indice analitico] [contributi]