[inizio] [indice generale] [precedente] [successivo] [indice analitico] [contributi]


13. Pacchetti Slackware e ZipSlack

I pacchetti della distribuzione GNU/Linux Slackware, e anche di ZipSlack, sono archiviati in un formato molto semplice, tar+gzip, e i file relativi utilizzano l'estensione `.tgz'. In pratica, sono il risultato di un'archiviazione attraverso `tar' e di una successiva compressione attraverso `gzip'. L'archivio che si ottiene è fatto in modo da conservare la struttura di directory a partire dalla directory radice e senza contenere i collegamenti simbolici.

Nell'archivio vengono aggiunte alcune directory per contenere alcuni script:

In pratica, questo formato non prevede altri script per il controllo delle dipendenze.

13.1 Installazione manuale

Volendo installare un pacchetto Slackware senza l'ausilio degli strumenti offerti da quella distribuzione, si devono estrarre i file dall'archivio e quindi si deve avviare lo script `/install/doinst'. Le operazioni vanno svolte con i privilegi dell'utente `root'. Si suppone di installare il pacchetto contenuto nell'archivio `esempio.tgz'.

cd /

tar xzpvf esempio.tgz

/install/doinst

/var/adm/setup/setup.onlyonce.esempio

13.2 Riepilogo degli strumenti di installazione Slackware

Gli strumenti forniti con la distribuzione Slackware per la gestione dei pacchetti installati e per la configurazione del sistema, sono realizzati generalmente in forma di script di shell.

13.2.1 # explodepkg

explodepkg <archivio-tar-gzip>...

`explodepkg' gestisce l'estrazione di archivi tar+gzip (`.tar.gz' o `.tgz') nella directory corrente. Questo script non si occupa di fare altro.

13.2.2 # installpkg

installpkg [<opzioni>] <archivio-slackware>

`installpkg' gestisce l'installazione dei pacchetti Slackware. Perché l'installazione avvenga correttamente, occorre che i file siano stati memorizzati con l'informazione delle directory a partire da quella principale, la radice, perché `installpkg' installa proprio a partire dalla directory radice. `installpkg' consente anche di installare un ramo di directory che verrà copiato così come'è a partire dalla radice. Il vantaggio di utilizzare `installpkg' sta nel fatto che è possibile visualizzare o disinstallare l'applicazione attraverso `pkgtool'.

Opzioni

-warn

Non effettua alcuna installazione, mostra invece i file e le directory che verrebbero creati.

-r

Installa quanto contenuto a partire dalla directory corrente. Il nome del pacchetto servirà solo per identificare l'applicazione quando si utilizza `pkgtool'.

-m

Crea un file `.tgz' utilizzando quanto contenuto a partire dalla directory corrente.

Esempi

installpkg -warn netscape-v301-export.i486-unknown-linux-elf.tar.gz

Mostra i file e le directory che verrebbero creati installando così il pacchetto Netscape.

installpkg -r Netscape3.01

Installa quanto contenuto a partire dalla directory corrente utilizzando come nome per identificare il pacchetto `Netscape3.01'.

13.2.3 # makepkg

makepkg <pacchetto-applicativo>

`makepkg' gestisce la creazione di archivi `.tgz' (tar+gzip) secondo lo standard dei pacchetti applicativi della distribuzione Slackware. Viene creato un archivio tar+gzip con lo stesso nome utilizzato come argomento e con estensione `.tgz', a partire dalla directory corrente. I collegamenti simbolici vengono convertiti in codice script che viene aggiunto al file `install/doinst.sh' (che se necessario viene creato e aggiunto all'archivio). I pacchetti così realizzati, sono compatibili con gli altri script di utilità di installazione delle distribuzioni Slackware.

13.2.4 # removepkg

removepkg [-warn] <nome-del-pacchetto>

`removepkg' gestisce la disinstallazione dei pacchetti applicativi installati secondo lo standard della distribuzione Slackware. Se viene utilizzata l'opzione `-warn', l'operazione viene soltanto simulata.

13.2.5 # pkgtool

pkgtool [<opzioni>]

`pkgtool' è il sistema standard di gestione dei pacchetti installati della distribuzione di Slackware. Consente di installare pacchetti nuovi, di disinstallare e visualizzare la collocazione dei pacchetti installati. Di solito non viene utilizzata alcuna opzione. `pkgtool' è in pratica un programma frontale per `installpkg' e `removepkg'.

13.2.6 # upgradepkg

upgradepkg <pacchetto-vecchio>[%<pacchetto-nuovo>]

Aggiorna un pacchetto, disinstallando prima il pacchetto vecchio e inserendo dopo quello nuovo. Se il nome del pacchetto è lo stesso, non richiede l'indicazione del nome nuovo.

---------------------------

Appunti Linux 2000.04.12 --- Copyright © 1997-2000 Daniele Giacomini --  daniele @ pluto.linux.it


[inizio] [indice generale] [precedente] [successivo] [indice analitico] [contributi]